Il Premio Parete

Il Premio Parete è il riconoscimento voluto per ricordare la figura del finanziere abruzzese Ermando Parete (1923-2016), superstite del campo di sterminio nazista di Dachau che ha dedicato la sua vita a preservare la Memoria della Shoah portando la personale testimonianza nelle scuole di tutta Italia. A partire dal 2017, il Premio Parete è assegnato ogni anno a una personalità di rilievo del mondo imprenditoriale, che incarna i valori dell’eccellenza, dell’intraprendenza e dell’ottimistica laboriosità: Giovanni Tamburi, Vittorio Colao e Marco Carrai nelle passate edizioni. La cerimonia si svolge a Milano presso l’Università Bocconi, insieme con la consegna della Borsa di studio Premio Parete destinata, di volta in volta, a un allievo meritevole del noto ateneo lombardo. Il nome del vincitore del riconoscimento viene invece annunciato in anteprima nel mese di maggio, a Pescara, proprio all’interno della Caserma “Vice Brigadiere Ermando Parete” delle Fiamme Gialle, con la proclamazione affidata a una grande firma del giornalismo italiano del calibro di Bianca Berlinguer (edizione 2020), Giovanni Minoli (2019), Paolo Mieli (2018) e Ferruccio de Bortoli (2017).