Il Premio Parete

Il Premio Parete nasce dalla volontà di portare avanti la positività del vivere e del fare che ha caratterizzato l’intera esistenza di Ermando Parete. L’eredità di Parete, sottufficiale abruzzese della Guardia di finanza, sopravvissuto al campo di sterminio nazista di Dachau e venuto a mancare il 25 gennaio del 2016, risiede oggi nella sua preziosa testimonianza. A questa si aggiunge la visione positiva del futuro, realizzata attraverso un instancabile impegno nel promuovere la cultura tecnico-scientifica: base per lo sviluppo e la prosperità di ogni Paese. Il fine ultimo è quello di ispirare giovani talentuosi e accompagnarli verso strade innovative e di successo. In tal senso è stata avviata una partnership con la prestigiosa Università Bocconi. L’ateneo milanese, indicato anche come sede ideale per lo svolgimento dell’evento di assegnazione del riconoscimento, offre agli studenti attività che consentono di arricchire le proprie conoscenze, confrontarsi su tematiche di attualità e coltivare nuovi interessi. Il Premio Parete ne è esempio concreto e come ulteriore impegno si è voluto istituire una borsa di studio per allievi meritevoli, simbolico passaggio di testimone verso le moderne generazioni. Nella prima edizione 2017 del Premio Parete è stata riconosciuta a Marco Carrai, imprenditore e manager fiorentino, “una grande capacità di aggregazione, interesse e attenzione per i rapporti tra Italia e Israele, mettendo al centro la storia, la cultura e una spiccata sensibilità”. Per il 2018, il consiglio direttivo dell’Associazione Parete, presieduto dal figlio Donato Parete, ha valutato una rosa di personalità di spicco accomunate da qualità come l’eccellenza, il prestigio intellettuale, il dinamismo, l’integrità, l’indipendenza. Il vincitore della nuova edizione è risultato essere Vittorio Colao, amministratore delegato di Vodafone.  Il nome è stato comunicato il 19 maggio 2018 a Pescara, nel corso del convegno svolto all’interno della Caserma Ermando Parete della Guardia di finanza, a cui ha partecipato il giornalista e storico Paolo Mieli. La cerimonia ufficiale di consegna del Premio si è invece tenuta il 9 ottobre 2018 a Milano, presso l’Università Bocconi.